Analisi conoscitiva del territorio

Questa azione sarà volta al censimento dettagliato delle specie aliene invasive presenti negli habitat prioritari del SIC partendo dalla lista delle specie invasive individuate nel progetto Life “PROVIDUNE (LIFE07NAT/IT/000519)” e all’individuazione e aggiornamento della loro distribuzione anche nelle zone limitrofe al SIC su cartografia tecnica regionale attraverso ricognizioni in situ.

Attraverso l’analisi della cartografia disponibile e delle ricerche in campo si determineranno le distribuzioni delle popolazioni delle specie invasive negli habitat “Dune costiere con Juniperus spp.” e “Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster” del SIC, aggiornando l’area reale e l’area d’influenza occupate dalle stesse che allo stato dell’arte potrebbero aver subito un incremento.

Dal punto di vista metodologico si procederà con rilievi di campo per il censimento delle popolazioni e del numero di individui, suddivisi in classi dimensionali (plantule, giovani, adulti riproduttori) e per la delimitazione in situ della superficie occupata dalle popolazioni. Si realizzerà il rilevamento delle coordinate perimetrali e il rilevamento quali-quantitativo dei dati stazionali integrato da informazioni sui rischi e pericoli attuali o potenziali per gli habitat e le specie autoctone. In particolare verranno rilevati i dati delle località,
delle coordinate con indicazione della precisione del dato, la quota media, minima e massima, inclinazione media, minima e massima del versante, l’esposizione, la rocciosità e la pietrosità, il drenaggio e la coerenza del substrato.

Per agevolare gli interventi di eradicazione e/o controllo dell’azione C4, si prevedono due livelli di dettaglio di censimento per le specie invasive appartenenti ai diversi generi da cartografare, in base alle caratteristiche specifiche delle singole popolazioni. Per le specie del genere Carpobrotus si procederà mappando il perimetro della popolazione e riportando su cartografia i poligoni occupati dalla stessa, mentre per le specie del genere Acacia e Agave si procederà mappando sia il perimetro della popolazione che la posizione di ciascun individuo appartenente alla classe “adulto” e “riproduttore”.
Ai fini della più dettagliata mappatura, a ciascun poligono e a ciascun esemplare verrà attribuito un numero progressivo di identificazione (ID), e verrà compilata una scheda di campo nella quale verranno riportati gli elementi relativi alla individuazione delle specie, alla loro ubicazione (habitat, località, coordinate geografiche in UTM-WGS84 tramite rilevatore GPS), alle misure (circonferenza del fusto, altezza, età stimata), ad altri elementi descrittivi: forma della chioma, stato sanitario. Per una più immediata individuazione della posizione,
sulle schede verrà inserita una porzione di cartina topografica con indicati i punti esatti degli individui e dei poligoni.
Verranno effettuate anche riproduzioni fotografiche delle località d’intervento.
Nella cartografia verranno segnalate anche le aree di potenziale innesco delle invasive, ovvero quelle aree in cui verranno rilevati nuclei limitrofi ai siti d’intervento, dove gli habitat sono distribuiti a mosaico e si intersecano con le popolazioni di specie invasive e dove sarà necessaria maggiore attenzione per le azioni di controllo successive alle azioni di eradicazione. Per queste aree saranno previste azioni di sensibilizzazione soprattutto nel caso si tratti di aree private come giardini e aree verdi di stabilimenti balneari e strutture
turistiche.

Questa azione verrà realizzata nel primo anno del progetto e sarà preliminare alle azioni di controllo e/o eradicazione dell’azione C4.
Le attività comprenderanno:
• La mappatura degli habitat in scala compresa tra 1:10.000 – 1:2.000, con georeferenziazione secondo le coordinate UTM e Gauss Boaga dell’area reale e dell’area d’influenza di ciascuna specie invasiva;
• La mappatura delle popolazioni delle specie invasive in scala compresa tra 1:10.000 – 1:2.000, con georeferenziazione secondo le coordinate UTM e Gauss Boaga della distribuzione puntiforme con identificazione dei relativi perimetri degli individui adulti e riproduttori di ciascuna specie invasiva;
• La realizzazione di schede di campo con i dati rilevati per ciascuna popolazione e per ciascun individuo adulto e riproduttore;
• Progettazione preliminare ed esecutiva dell’azione C4.