Dune costiere con Juniperus spp.

Dune costiere

Dune costiere

Dune stabilizzate a copertura arborea e/o arbustiva, costituita principalmente da Juniperus macrocarpa e Juniperus turbinata, localmente accompagnati da altre specie arbustive delle fitocenosi riferibili alla classe Quercetea ilicis. Nei rari tratti di litorale dove questo habitat è ben conservato, si alternano aree ad elevata copertura e piccole radure ospitanti cenosi vegetali riferite ad altri habitat d’interesse comunitario in cui si rinvengono preferentemente garighe a Crucianella marittima e pratelli terofitici dell’alleanza Malcolmion ramosissimae. Il ginepro crea microboschi dove nidificano Passeriformi e trovano fonte alimentare migranti e svernanti. Strettamente legate a questo habitat sono anche il Lacertide Podarcis sicula e il Cerambicide Icosium tomentosum.
L’habitat occupa 7,26 ha su 742,48 ha di parte a terra del SIC, ovvero l’1% della superficie totale del SIC.
Stato di conservazione: attualmente precario per effetto di importanti pressioni e minacce di tipo antropico dovute essenzialmente alla presenza di specie invasive, elevato calpestio e frammentazione dovuta a frequentazione della spiaggia emersa e diffusi fenomeni di erosione costiera determinati sia da destrutturazione dei sistemi dunali che dei posidonieti della spiaggia sommersa.